Timeshift: cinque nuovi appuntamenti per chiudere il cerchio di un’annata senza esclusione di colpi

Dopo un autunno caldo tra esplosioni soniche e visioni post nucleari, TimeShift accoglie l’inverno senza guanti, tenendo aperta la finestra sulle evoluzioni della techno a dispetto delle stagioni. Cinque nuovi appuntamenti si apprestano a chiudere il cerchio di un’annata senza esclusione di colpi.

Si riparte sabato 14 gennaio con le atmosfere artiche del duo irlandese Lakker, la trama sonica percussiva e profonda di Acronym, le strutture ipnotiche di Positive Centre e la techno oceanica e concettuale di Serena Butler.

Sabato 18 febbraio sarà invece la volta di Sleeparchive, il producerberlinese del giro Hard Wax noto per la sua ricerca radicale dello stile, accompagnato dal mattatore francese Terence Fixmer , la cyberdark dell’americano Blush Response e la post techno di Mahk Rumbae aka Codex Empire.

Sabato 11 marzo pazzerello, ma si risponde senza ombrello al diluvio di Uk techno e tuoni nineties della new sensation Blue Hour, accompagnato dai suoni concreti di Kamikaze Space Programme, il rappresentante della nuova techno romana VSK e Steve Bicknell, espressione del suono degli eventi LOST, feste oscure nei migliori bunker di Londra.

Il disgelo inizia sabato 8 aprile con un peso massimo della scena: l’ex-membro di Sandwell District, Silent Servant, avanguardista autore di avventure soniche proiettate nel futuro. Insieme a lui, il graditissimo ritorno di Domenico Crisci, un vero prodigio del suono analogico e le oscillazioni tra no wave, minimal wave e industrial di Broken English Club.

Si chiude, infine, lunedì 24 aprile con la nuova creatura di Orphx e Ancient Methods, Eschaton, e i kick decisi del producer e fotografo ucraino Stanislav Tolkachev. Ch’è primavera e TimeShift fa il rubacuor.

The following two tabs change content below.
Matteo Rapone

Matteo Rapone

Sezze (LT)
Ex studente e ex lavoratore, da sempre amante della musica elettronica. Decide di collaborare con Party Addict per vivere una nuova esperienza e per accrescere la propria cultura musicale!

Comments

Comments